Weblog

19, Ott 2014

Ballyturk, il nuovo album di Teho Teardo

Esce in Europa il 21 ottobre il nuovo album di Teho Teardo, Ballyturk. 

Frutto della collaborazione con il drammaturgo irlandese Enda Walsh, l’album si avvale anche della partecipazione straordinaria di Cillian Murphy, presente anche nella copertina assieme a Mikel Murfi.

Inizialmente concepite per l’omonima opera teatrale di Enda Walsh, presentata in anteprima mondiale a luglio al Festival di Galway e a settembre al National Theatre di Londra, le musiche di Ballyturk sono state poi rielaborate e incise da Teardo in questo nuovo album in cui compaiono anche Joe Lally (Fugazi) e Lori Goldston, violoncellista dei Nirvana.

La forza primordiale e commovente della musica di Teardo si avverte sin dalle prime note del disco, affidate alla voce – recitata, non cantata – del grande attore Cillian Murphy (trilogia del Cavaliere Oscuro, Inception, Breakfast on Pluto, Red Eye, In Time, etc. ) che è protagonista non solo nella prima traccia ma anche nella piece teatrale di Walsh.

Enda Walsh è uno dei più acclamati sceneggiatori e registi del momento. Irlandese di nascita ma residente da anni a Londra, è noto oltre che per le numerose pièce teatrali rappresentate in tutto il mondo anche per le sceneggiature cinematografiche tra cui Hunger di Steve McQueen.

“Quando stavo scrivendo “Ballyturk” – ha raccontato Enda Walsh – ascoltavo molte partiture di Teho. La musica che ha ideato per ‘Music for Wilder Mann’ mi ha catturato e spinto nel cuore misterioso di ‘Ballyturk’”. Secondo Walsh, “la musica di Teho rivela l’anima dei personaggi come solo la grande musica sa fare”

La musica di Ballyturk misura la forza degli eventi che si scatenano sulle nostre vite e la pressione che viene esercitata su di noi da quanto ci circonda. Lo si sente dalla voce di Cillian Murphy che apre il disco.
Ballyturk è un album sulle turbolenze esistenziali ed i segnali che ci informano su quanto sia minuscolo lo spazio in cui ci muoviamo rispetto alla vita che c'è al di là del nostro sguardo, oltre le mura dentro cui si muovono i due protagonisti della commedia di Enda Walsh.
All'interno tutto è possibile, tutto è credibile, ma nel rapporto con la realtà si sgretola l'improbabile costruzione mentale che loro chiamavano vita.
La musica di Teho riporta la temperatura degli eventi umani di Ballyturk, diviene turbolenta e gigantesca nel descrivere la forza della realtà senza mediazioni, ben al di là dai nostri confini, non solo sentimentali, relazionali, anche puramente domestici.
C'è qualcosa di oscuro, primordiale in questa forza che ci commuove.
La musica di Ballyturk è una sorta di barriera che si abbatte di continuo per avvicinarsi sempre di più al soggetto, fino ad essere invisibili. Nel farlo si superano dei limiti, anche in modo illecito, come se dovessimo stipulare un patto segreto per il quale per un po' dimentichiamo chi siamo, oscillando tra il mondo reale e l'inconscio.

www.youtube.com/watch?v=Q__0SDZZgRo&feature=youtu.be

http://ballyturk.com